NOBEL PHARMACOS Laboratorio di chimica applicata

Produzione detergenti professionali


Haccp e la detergenza

Uno dei maggiori pericoli per chi produce o manipola alimenti è l'inquinamento di tipo microbiologico. Può essere di due tipi: primario, legato alle materie prime e secondario, legato alla lavorazione. La legge stabilisce quali debbano essere i requisiti minimi per stabilimenti e laboratori fissando norme igieniche per locali e attrezzature. La detergenza e la sanificazione si occupano del secondo aspetto.

Detergenza: operazione finalizzata alla rimozione dello sporco costituito da residui di lavorazione o sostanze estraneee.

Sanificazione:processo finalizzato ad abbassare la carica microbica a livelli di sicurezza.

Tipi di sporco: organico derivante da residui di lavorazione, inorganico derivante da residui di calcare. Per la rimozione dello sporco organico sono indicati i detergenti alcalini, per quello inorganico i detergenti di tipo acido. Fattori di efficacia sono: concentrazione del detergente, tempo di azione, temperatura, azione meccanica.

Detergenti (requisiti): elevato effetto detergente e bagnante, buon potere emulsionante dello sporco, efficaci anche in presenza di acque dure, facilità di risciacquo.

Modalità: l'utilizzo dei detergenti e' efficace se le operazioni di pulizia sono correttamente effettuate. La pulizia può essere effettuata manualmente, per immersione, a mezzo di macchine idropulitrici o a circuito chiuso. Occorre porre la giusta attenzione alle varie fasi, ai materiali utilizzati (che siano intregri ed idonei per l'uso,  puliti prima dell'uso, le macchine periodicamente ispezionate e sottoposte ad idonea manutenzione).

Sanificanti: anche alcuni detergenti (acidi-alcalini) svolgono un'azione batteriostatica, in quanto provocano variazioni di pH che eliminano i nutrienti necessari allo sviluppo batterico, unitamente alle elevate temperature di alcuni tipi di lavaggio. La procedura di sanificazione viene effettuata dopo le operazioni di pulizia. I principali sanificanti in commercio per il settore sono:

-A base di cloro attivo: economici, molto efficaci, ma poco stabili, corrosivi.

-A base di sali quaternari di ammonio: attivi in ambiente acido e alcalino, schiumogeni, non adatti con apparecchiature a circuito chiuso. Influenzati dalla durezza dell'acqua.

-Anfolitici: simili ai quaternari di ammonio.

-Iodofori: poco diffusi nell'industria alimentare per l'odore, sono influenzati dalla durezza dell'acqua.

-Acido peracetico e acqua ossigenata: particolarmente attivi contro muffe e spore.

-Composti a base di polibiguanide: Ottima azione sanificante, sono indicati ove il numero di microorganismi ed i residui di sostanze organiche sono particolarmente elevati.

-Composti fenolici: non molto diffusi a causa dei cattivi odori e sapori che possono trasmettere. Utilizzati per lo più negli allevamenti.

-Alcoli: discreto potere disinfettante a 70°, adatti per superfici e strumentazioni, igiene delle mani. Utilizzati in genere l'acool etilico e l'isopropilico. Infiammabili, volatili. Possono danneggiare alcuni materiali.

-Aldeidi: Formaldeide, glutaraldeide. Ottima azione battericida. Poco utilizzate in ambito alimentare. Sono irritanti. La formaldeide è sospettata di essere  cancerogena.

-Mezzi termici e fisici:  calore, radiazioni. Il calore e' utilizzato nei bollitori, nelle macchine lavastoviglie, nelle idropulitrici, le radiazioni si usano in genere per gli alimenti (sterilizzatori, pastorizzatori, ecc.). 

SS. 121 Km. 11,300 angolo Via Valcorrente

95032 BELPASSO (CT)

TEL. 095 8368251 FAX 095 393659